Report DLA Piper, oltre un miliardo di euro di sanzioni dai garanti privacy europei

Dal 28 gennaio 2021 a oggi i garanti privacy europei hanno inflitto sanzioni per un totale di quasi 1,1 miliardi di euro, quale conseguenza di una vasta gamma di violazioni al Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (GDPR). Il dato rappresenta un aumento del 594% rispetto alle sanzioni irrogate nell’anno precedente. È quanto emerge dal report annuale dello studio legale DLA Piper sulle sanzioni per le violazioni del GDPR registrate nei 27 Stati membri dell’Unione europea, più il Regno Unito, la Norvegia, l’Islanda e il Liechtenstein.

IL REPORT

Il report “DLA Piper GDPR fines and data breach survey: January 2022”, giunto alla quarta edizione e presentato oggi, evidenzia come Lussemburgo, Irlanda e Francia siano in cima alla classifica delle sanzioni individuali più elevate emesse nell’ultimo anno (rispettivamente 746 milioni di euro, 225 milioni di euro e 50 milioni di euro). Per effetto di tali provvedimenti il Lussemburgo e l’Irlanda hanno compiuto un balzo verso l’alto della classifica delle sanzioni totali registrate dall’avvio del GDPR (25 maggio 2018), occupando ora le prime due posizioni, seguiti dall’Italia.  

Negli ultimi 12 mesi è proseguita anche la crescita delle notifiche di data breach, con un aumento dell’8% della media dell’anno scorso, pari a 331 notifiche al giorno, raggiungendo quota 356 notifiche quotidiane. In totale sono state più di 130.000 le violazioni dei dati personali notificate alle autorità dal 28 gennaio 2021 a oggi.

Rapportando i risultati in base alla popolazione residente, Paesi Bassi, Liechtenstein e Danimarca sono i paesi in cui si registra il maggior numero di notifiche di data breach, rispettivamente con 151, 136 e 131 per ogni 100mila abitanti. Croazia, Repubblica Ceca e Grecia hanno invece riportato il minor numero di notifiche di data breach pro-capite.

SENTENZA “SCHREMS II”

Sebbene l’aumento delle sanzioni sia senz’altro significativo, la sentenza della Corte di Giustizia UE nota come “Schrems II” continua a rappresentare la principale sfida di conformità alla normativa sulla protezione dei dati per molte organizzazioni soggette dal GDPR. La sentenza e il capitolo V del regolamento europeo impongono severe limitazioni al trasferimento di dati personali dall’Europa e dal Regno Unito a “paesi terzi” con gli esportatori di dati che rischiano ordini di sospensione, sanzioni e richieste di risarcimento per non aver soddisfatto questi nuovi requisiti. La sentenza richiede alle organizzazioni che esportano dati personali dall’Europa e dal Regno Unito verso Paesi terzi di effettuare una mappatura completa di tali trasferimenti e valutazioni dettagliate dei rischi legali e pratici di intercettazione da parte delle autorità pubbliche nei paesi in cui si trovano gli importatori, aumentando notevolmente gli oneri di compliance per gli esportatori e gli importatori di dati.

IL COMMENTO

Commentando i risultati dell’indagine, Giulio Coraggio (in foto), partner di DLA Piper, responsabile del dipartimento italiano di Intellectual Property & Technology, ha dichiarato: «L’Italia è uno dei Paesi in cui il valore complessivo di sanzioni emesse ai sensi del GDPR è stato più elevato dall’entrata in vigore del regolamento. Questo dimostra che il Garante per la protezione dei dati personali è stato decisamente attivo negli ultimi anni, anche se non ha fornito criteri chiari per il calcolo delle sanzioni, lasciando le aziende in uno stato di incertezza che può durare anche anni per la lunghezza dei procedimenti. Questo spiega forse il motivo perché l’Italia sia anche uno dei Paesi con il numero minore di notifiche di data breach, se rapportato alle dimensioni della popolazione. Ciò è difficile da spiegare in un periodo in cui, anche a causa della pandemia, il numero di cyberattacchi è notevolmente aumentato. È possibile che le incertezze dei procedimenti davanti al Garante fungano da deterrente per le aziende a procedere alla notifica di data breach, il che inevitabilmente si traduce in un danno per gli individui. Ciò avviene in un contesto in cui poche aziende si sono mosse per garantire un’effettiva conformità con i requisiti di cui alla sentenza Schrems II, il che può rappresentare un ulteriore rischio di mancata conformità in una eventuale ispezione del Garante successiva ad una notifica di data breach».

Report DLA Piper, oltre un miliardo di euro di sanzioni dai garanti privacy europei

frabon

Inhousecommunity.it

Lanciato nel maggio 2015, fra i lettori della testata, si contano direttori affari legali, responsabili HR, marketing manager, direttori finanziari e top management.

Al livello di contenuti, si focalizza sulla figura del legale interno, del giurista d’impresa e sull’evoluzione di questa figura professionale in Italia.

Inoltre, ogni due settimane, Inhousecommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2022 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram