Istat, i primi dati post lockdown: 385mila occupati in meno

Con un calo dei consumi del 4,1 per cento nell’anno, in Italia, ci si aspetta una fortissima ricaduta sul mercato del lavoro, dove l’impatto corrisponderà a 385 mila disoccupati in più. Lo dice il direttore per la produzione statistica, Roberto Monducci, in audizione in commissione Lavoro al Senato.

Oltre questo dato, l’Istat ne ha forniti altri riferiti ad aprile e maggio 2020 – sempre in merito allo scenario del lockdown – che riguardano i prezzi alla produzione dell’industria e delle costruzioni, il commercio estero extra Ue e la fiducia dei consumatori e delle imprese.

Umore nero

L’emergenza sanitaria in corso continua ad influenzare negativamente il clima di fiducia degli operatori economici: per i consumatori l’indice raggiunge il valore più basso da dicembre 2013 mentre per le imprese registra il valore minimo dall’inizio della serie storica, ovvero marzo 2005. Più nel dettaglio, l’indice del clima di fiducia dei consumatori si attesta a 94,3 punti, mentre l’indice composito del clima di fiducia delle imprese si ferma a 51,1 punti (siamo di fronte a un quasi dimezzamento dell’indice rispetto ai livelli pre-Covid).

Giù la produzione

Ad aprile 2020, si legge in un’altra nota dell’Istat, i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione del 2,6% sul mese precedente e del 5,1% su base annua. Sul mercato interno i prezzi alla produzione dell’industria segnano un calo congiunturale del 3,4% e una flessione tendenziale del 6,7%. Al netto del comparto energetico, i prezzi alla produzione dell’industria registrano una diminuzione dello 0,1% su base mensile mentre crescono dello 0,3% su base annua.

Crolla l’export

Ma le cattive notizie non finiscono qui. Anche per quanto riguarda l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue ad aprile, i dati Istat non sono positivi.  Le vendite fuori dai confini europei, infatti, scendono del 37,6% a livello congiunturale e del 44,2% su base annua. Si tratta “della caduta tendenziale dell’export più ampia registrata dalla nascita del mercato unico europeo nel 1993”. Scendono, invece, misura meno ampia, per le importazioni (-12,7%).

Istat, i primi dati post lockdown: 385mila occupati in meno

Gennaro Di Vittorio

Inhousecommunity.it

Lanciato nel maggio 2015, fra i lettori della testata, si contano direttori affari legali, responsabili HR, marketing manager, direttori finanziari e top management.

Al livello di contenuti, si focalizza sulla figura del legale interno, del giurista d’impresa e sull’evoluzione di questa figura professionale in Italia.

Inoltre, ogni due settimane, Inhousecommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2021 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram