Sostenibilità, per il 90% delle aziende è troppo costosa

Innovatec Group presenta i risultati del primo Osservatorio sulla Clean Technology nelle imprese italiane, finalizzato ad approfondire i temi della sostenibilità all’interno del sistema economico e produttivo italiano.

La ricerca, effettuata da Eumetra per conto di Innovatec, è stata realizzata con l’obiettivo di dare una fotografia del quadro attuale in merito alla sensibilità e alla cultura della sostenibilità all’interno delle aziende al fine di comprendere quali sono gli interventi da attuare in materia di sostenibilità ambientale, economia circolare, efficientamento energetico e Clean Technology.

Elio Catania, presidente di Innovatec, ha commentato: “Questo primo Osservatorio sulla Clean Technology ci ha confermato che gli imprenditori e le imprese italiane sono perfettamente consci che la transizione energetica ed ambientale sia l’unica risposta alle sfide di business di oggi e del futuro. Allo stesso tempo sono altrettanto consapevoli che ciò richiede un intervento strutturale, un ridisegno dei processi aziendali, investimenti significativi e soprattutto competenze che oggi mancano nella stragrande maggioranza delle imprese intervistate. Innovatec ha fatto suo questo approccio pragmatico e sviluppato un’offerta integrata che fornisce alle imprese soluzioni end to end, chiavi in mano, per l’efficientamento energetico e l’economia circolare”.

La fotografia attuale: l’Indagine di Eumetra per Innovatec su 800 imprese italiane

L’indagine di Eumetra ha riguardato 800 imprese attive prevalentemente nel settore dell’industria,
dell’edilizia, del commercio e della ristorazione, situate su tutto il territorio italiano. Dai dati emersi
dall’Osservatorio Clean Technology emerge che il 55% delle imprese investirà di più in sostenibilità
per la crescita del proprio business. Nonostante ciò però l’83% delle imprese intervistate ha dichiarato
che la propria azienda non ha ancora un piano industriale sui temi della sostenibilità. Il restante 17% è
così suddiviso: 2% lo ha a breve termine (1 anno), il 7% a medio termine (2-3 anni) e l’8% a lungo termine
(+5 anni).

In merito agli investimenti in sostenibilità, il 45% delle aziende intervistate ha effettuato
investimenti in questo settore di cui: il 38% per interventi in efficienza energetica, il 20% per la parziale o
totale riconversione industriale con adozione di soluzioni sostenibili, il 18% per installazioni di tecnologie
green e il 9% in processi di economa circolare. Il 55% delle imprese non ha effettuato alcun tipo di
investimenti nel settore.

Tra i principali ostacoli agli investimenti sono stati individuati: la mancanza di competenze (38%), i costi
elevati delle materie prime (31%), la mancanza di incentivi (30%) e l’eccessiva burocrazia (24%). Il restante
63% dichiara di non effettuare investimenti prevalentemente a causa dell’eccessivo costo iniziale di avvio di azioni di intervento e della mancanza di normativa di riferimento e di tecnologia.

Infine, in relazione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, quasi l’80% delle imprese ritiene che sia
“molto difficile” che i fondi del PNRR vengano assegnati e spesi e il 41% sottolinea che non sarà facile
accedervi. Solo il 16% si limita a sostenere senza riserve che il PNRR è “un’occasione dalle grandi
potenzialità”, senza al tempo stesso metterne in luce i limiti.

L’efficienza energetica è il primo investimento in sostenibilità per le imprese italiane

Nonostante le criticità emerse, le aziende mostrano però un atteggiamento estremamente positivo nei
confronti di scelte sostenibili e di economia circolare. Ben 7 su 10 sono convinte che sia necessario effettuare interventi in termini di sostenibilità all’interno delle proprie imprese. Quelle più propense agli investimenti nel settore sono quelle operanti nel settore dell’energia, agricoltura, alimentare e tessile.

Le principali aree di intervento riguardano una maggiore efficienza energetica (44%), maggiori investimenti in tecnologie verdi e pulite (23%) e percorsi di formazione (10%). E tra le aziende che già oggi adottano soluzioni sostenibili, 2 su 3 affermano che la quota degli investimenti complessivi crescerà in futuro anche in un’ottica di crescita commerciale attesa. Il 42% degli intervistati, infatti, è convinto che i propri clienti sarebbero più propensi ad acquistare i prodotti della propria azienda a fronte di un maggiore impegno concreto nella sostenibilità.

Sostenibilità, per il 90% delle aziende è troppo costosa

michela.cannovale@lcpublishinggroup.com

Inhousecommunity.it

Lanciato nel maggio 2015, fra i lettori della testata, si contano direttori affari legali, responsabili HR, marketing manager, direttori finanziari e top management.

Al livello di contenuti, si focalizza sulla figura del legale interno, del giurista d’impresa e sull’evoluzione di questa figura professionale in Italia.

Inoltre, ogni due settimane, Inhousecommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group S.p.A..

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC Publishing Group S.p.A. – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 50.000,00 i.v.

Copyright 2023 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram