Meritocrazia a lavoro? In Italia c’è ancora da lavorare

Secondo il meritometro, l’indicatore di sintesi dello “stato del merito” in un Paese elaborato da Copernico, l’Italia ha un gap in termini di meritocrazia che la separa dal resto d’Europa.

Per il terzo anno consecutivo il Bel Paese occupa l’ultima posizione nel ranking europeo della meritocrazia (23,15 punti con 44 punti di distacco dalla Finlandia prima in classifica e 10 punti dalla Spagna penultima), con le maggiori differenze rispetto alla media che si registrano nei pilastri della trasparenza, delle regole e delle pari opportunità. Le regioni più meritocratiche sono quelle scandinave e del Nord Europa, che distanziano di 20 punti i Paesi del mediterraneo.

Ma come si può invertire la rotta italiana? «Le aziende che vogliono restare competitive devono creare contesti in grado di valorizzare le persone e di enfatizzare le loro capacità anche creative. Una scelta che può concretizzarsi non solo attraverso programmi di welfare aziendale, ma anche con la creazione di contesti di lavoro capaci di creare un ecosistema virtuoso», dichiara Barbara Adami Lami, direttore generale di Copernico.

Secondo l’osservatorio, oltre a valorizzare le persone, le aziende possono dare il buon esempio, partendo dal board, con l’attuazione di processi per riconoscere il merito e premiare i più meritevoli. Fondamentale è essere consapevoli che non esiste un sistema di valutazione perfetto, né tantomeno un unico sistema di valutazione “one fits all” che vada bene per qualsiasi realtà: organizzazioni differenti necessitano di approcci differenti e anche all’interno di una stessa azienda particolarmente strutturata non è detto che seguire un approccio univoco sia la soluzione migliore.

Forse anche per questo, in Italia ben il 62% delle società non ha formalizzato un processo di selezione dei propri membri del cda, anche se l’84% ritiene importante che vi sia un processo di selezione legato al merito. Inoltre solo in 1 cda su 2 vi è un’autovalutazione del proprio operato, e del 44% che non effettua un’autovalutazione, il 39% non la ritiene necessaria.

Meritocrazia a lavoro? In Italia c’è ancora da lavorare

Gennaro Di Vittorio

Inhousecommunity.it

Lanciato nel maggio 2015, fra i lettori della testata, si contano direttori affari legali, responsabili HR, marketing manager, direttori finanziari e top management.

Al livello di contenuti, si focalizza sulla figura del legale interno, del giurista d’impresa e sull’evoluzione di questa figura professionale in Italia.

Inoltre, ogni due settimane, Inhousecommunity.it pubblica contenuti su MAG, il primo quindicinale digitale interattivo dedicato alla business community italiana. In ogni numero: interviste a avvocati, general counsel, amministratori delegati, avvocati, banker, advisor, fiscalisti; studi di settore; interviste; report post awards etc. Fra i grandi appuntamenti annuali di Legalcommunity.it per MAG, i fatturati degli studi e la classifica dei 50 Best Lawyers.

MAG è digitale, gratuito e disponibile su App Store, Google Play (MAG LC) e sui portali del Gruppo LC Publishing Group.

Per maggiori informazioni, visita il sito del Gruppo www.lcpublishinggroup.com

LC srl – Via Tolstoi 10 – 20146 Milano – Tel. 0236727659 – C.F./P.IVA 07619210961
REA 1971432 Registro delle Imprese di Milano – Cap. Soc. Euro 10.000,00 i.v.

Copyright 2021 © All rights Reserved. Design by Origami Creative Studio

SHARE

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram